[Guest post] Content Marketing: 5 consigli utili per avere successo

guest-post-per-copywriter-freelance-di-gloria-zaffanella

Gloria Zaffanella, Public Relation Manager

Gloria Zaffanella è Public Relation Manager di Stampaprint S.r.l., azienda leader in Italia nel settore della stampa online. Dopo una carriera nel print marketing, Gloria ha studiato le dinamiche del search engine marketing per approfondire le molteplici opportunità di un loro utilizzo congiunto.
copywriter freelance roma post
Si parla molto di content marketing, quasi fosse diventata l’unica chiave per il successo del proprio business online. Sicuramente si tratta di uno strumento molto utile, se impiegato in modo corretto. Con il termine “corretto” mi riferisco ad un uso ragionato e consapevole per fare promozione nel mondo virtuale.

Il content marketing, infatti, è una strategia pubblicitaria (appunto, di marketing) che viene messa in campo attraverso contenuti di vario tipo, il cui scopo è coinvolgere l’utente, invitarlo alla condivisione e convertirlo in cliente, il tutto attraverso contenuti utili per lui.

Non si tratta di pubblicità nuda e cruda, anzi, è l’esatto contrario, in quanto deve proporre tematiche interessanti, in grado di favorire l’approccio e il coinvolgimento da parte degli utenti.

Come fare content marketing?

La strategia è tutto

Innanzitutto dobbiamo avere una strategia. Non possiamo pensare di lanciarci allo sbaraglio e scrivere della prima cosa che ci viene in mente. È importante pianificare e organizzare una serie di argomenti di cui vogliamo parlare e capire in che modo abbiamo intenzione di svilupparli e proporli. Un altro elemento che deve far parte della nostra strategia e che dobbiamo avere ben chiaro davanti a noi è il nostro target. Per chi scriviamo? A chi ci rivolgiamo? La risposta a queste domande ci guiderà nella scelta dei contenuti e nella modalità in cui li proporremo.

Se, ad esempio, parlo di uncinetto quasi certamente avrò un pubblico femminile, di conseguenza mi rivolgerò con un certo tono e stile (in sintonia anche con l’argomento). Se, invece, mi occupo di libri per bambini, mi rivolgerò principalmente a mamme e papà (e figli/e), che cercano determinate informazioni. La strategia, quindi, serve per definire il come, quando, chi e perché (il dove lo conosciamo, è la rete).

L’estetica conta

Pensiamo alle modalità con cui proporre i nostri contenuti. La prima cosa che ci viene in mente, probabilmente, è un articolo (scritto in un buon italiano, possibilmente!). Tuttavia il testo scritto non è l’unica soluzione a nostra disposizione. Possiamo realizzare degli audio, dei video oppure spiegare o parlare di un determinato concetto tramite immagini. In questo caso infografiche, foto o immagini da noi create sono tutte modalità efficaci, che catturano l’attenzione per il loro design, i colori e il fatto che non si tratta solo di parole da leggere. L’estetica ha il suo peso anche nel mondo virtuale, mai sottovalutarla.

La qualità sei tu

Se facciamo content marketing non è solo perché siamo appassionati di scrittura. Di solito, uno dei nostri scopi è farci conoscere, far diffondere i nostri contenuti sul web. È quindi fondamentale che creiamo dei contenuti di qualità. Ciò che conta, infatti, non è il numero di articoli, video o infografiche che postiamo, ma il loro valore. Con questo non voglio dire che dobbiamo essere Umberto Eco o Steven Spielberg per produrre un testo o un video. Ognuno di noi ha sicuramente capacità e talenti per realizzarli. Dobbiamo tenere ben presente che le informazioni che forniamo devono servire ai nostri lettori e arricchire il blog o il sito in cui le pubblichiamo. Altrimenti le nostre azioni di content marketing avranno vita breve.

La scelta dei social è il tuo buonsenso

Passiamo ai social network. Sicuramente sono una tappa indispensabile per la nostra attività di content marketing, a patto che vengano utilizzati con criterio. I canali social son ormai tanti ed ognuno ha le sue caratteristiche, nonché la sua tipologia di utenti. Essere presente su tutti i canali potrebbe rivelarsi una cosa controproducente alla lunga (oltre che esageratamente impegnativa), poiché, come appena detto, ognuno ha il suo target e le sue peculiarità. Inoltre, la scelta del social network dipende anche da ciò che vogliamo proporre.

Ad esempio, se ci riferiamo al mondo culinario, Pinterest e Facebook vanno benissimo; se pubblichiamo pezzi strettamente legati alla nostra attività imprenditoriale, Linkedin può essere un’ottima soluzione.

In breve, dobbiamo essere attenti al dettaglio e agire in modo ragionato.

Posizionamento senza esagerare!

Infine ci sono tutti gli aspetti che riguardano il posizionamento sui motori di ricerca (Google in primis, dato che può essere considerato come il motore di ricerca per antonomasia). Le keywords nel corpo del testo o del titolo e i vari tag con cui “segnaliamo” i nostri contenuti agli algoritmi di Google sono degli ottimi aiuti per essere trovati dall’utente durante una ricerca. Ciò a cui bisogna prestare attenzione è non esagerare con la quantità di parole-chiave inserite. Il rischio è che il testo venga trovato con Google, ma sia incomprensibile o, peggio, noioso e ripetitivo.

Molto meglio, allora, concentrarci sulla qualità del contenuto e mettere in secondo piano le questioni più tecniche. Ricordiamoci, infatti, che il nostro obiettivo è catturare l’attenzione dei navigatori del web e creare discussione e condivisione intorno a quanto pubblicato.
copywriter freelance roma post

Gloria Zaffanella, Public Relation Manager | Linkedin | Google+

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...