Copywriter con guida 2: ottimizza title, link, description e immagini!

copywriting e come ottimizzare title meta description immagini
Un copywriter che sa  formattare un testo per una pagina web, è un copy felice! Sì perché la parte più grossa l’hai fatta: puoi tirare un sospirone di sollievo e tirartela parecchio come Goku quando sconfigge Majin Bu (che per la cronaca, prima gliele suona di brutto!). Ecco, adesso devi “solo” ottimizzare il tuo contenuto alla grande e concludere con dettagli super tosti come link building fatta bene, meta description al bacio e immagini curate al massimo. Ma come si fa? E soprattutto come farlo senza mettere in pericolo la Terra??

Meta tag Title e Description: come le scrive il super copywriter?

Esistono due comandi HTML per ottimizzare il testo. Sono pericolosi quanto Majin Bu, quando vedi che non è mica un cicciobombo rosa, mangione e pacioso qualsiasi, ma una roba immensa e malefica che se ti tira un pugno ti riduce in poltiglia. Ora tu copywriter super sayan di primo livello devi battere i Meta Tag Title e Description usando tutti i tuoi poteri: la mega intelligenza, i codici, le keywords e la creatività.

Il title

esempio tag title per copywriter

Per la serie: conosci il tuo nemico, sappi che il Meta tag Title è questo. E che ogni pagina ha il tuo title, sempre diverso.

Nel tag title devi inserire le parole chiave che ti servono in relazione all’argomento della tua pagina, ma senza essere robotico e troppo #SEO; pensa facile e diretto, chiaro e conciso. Insomma, scrivilo breve e dritto al punto.
Title incluso tra 66 caratteri, circa 12 parole: così vai sul sicuro!

Esempio di ottimizzazione del title

Mettiamo che stai scrivendo per un e-commerce che vende scarpe di marca. Devi fare il title della pagina delle decolleté  by Pucci. Sai che sono di colore nero, tacco 12, in vera pelle, made in Italy. Come lo scrivi?


<html>

<head>
<title>Decolleté Pucci made in Italy, vera pelle, colore nero - Scarpebelle.it</title>

copywriter freelance roma post

La description

consigli copywriting esempi di meta description

Il meta name Description è un tag che ti serve e senza il quale su Google non vai da nessuna parte. Perché è lo snippet, cioè quelle 3-4 righe che tu vedi sotto un risultato di ricerca; sono super importanti in quanto lì  -in poche parole – tu fornisci un’idea di ciò di cui parla la pagina. Se incuriosisce, l’utente ci clicca, se no passa oltre.

Quindi in soldoni la description è la descrizione dei contenuti della tua web page. In pratica un breve riassunto di ciò che hai scritto, con le keywords più importanti. 

Scrivi la description in maniera intelligente e persuasiva: deve catturare l’attenzione di chi legge e allo stesso tempo informare e convertire. Inserisci una CTA che spinga al click sulla pagina. Tieni la tua description tra i 100 caratteri, quasi una ventina di parole.

Esempio di ottimizzazione della Description

Ora che hai creato il title per le tue scarpe Pucci, devi metterci la tag description. Ecco come puoi fare!


<html>
 <head>
 <title>Decolleté Pucci made in Italy, vera pelle, colore nero - Scarpebelle.it</title><meta name="description" content="Decolleté Pucci in vera pelle e colore nero. Il made in Italy che conquista. Scoprile subito!">

copywriter freelance roma post

ALT Immagini: perché ottimizzarle è cosa buona e giusta!

Un copywriter sa che le sue immagini valgono e che per farle piacere -e trovare- anche a Google deve ottimizzarle un po’. Eh sì: l’ALT delle immagini conta e tu puoi sfruttarlo al massimo inserendoci qualche keywords ad hoc.

Esempio di ottimizzazione immagini

In generale il codice da utilizzare è:

<img src="http://url al mio sito punto estensione/immagine punto jpeg" alt="qui devi ottimizzare l'alt immagine inserendo le parole chiave del tuo prodotto"/>

Adesso nella pagina web devi inserire l’immagine della tua scarpa Pucci. Ma mica la metti così, nuda e cruda: l’alt immagine deve contenere le parole chiave che ti servono in relazione al tuo prodotto.

Nell’esempio:

<img src="http://url al mio sito punto estensione/immagine punto jpeg" alt="Scarpe Pucci decolleté vera pelle in colore nero"/>
 

copywriter freelance roma post

Link building interna: DO’S e DONT’S del buon copywriter

Fare link building interna significa creare backlink diretti a pagine del tuo sito. Ma mica è così facile perché Google sta sempre in guardia ed è pronto a penalizzare quando vede che la link building è furbetta o irregolare. Ad esempio:

  1. Mai fare link building stile A->B->C->D.
    Premessa: i soggetti sono due, tu e il povero Tizio. Funziona così: il tuo sito A linka al sito B di Tizio; il sito B di Tizio linka al tuo sito C; il tuo sito C linka al sito D di Tizio. Google si accorge subito che c’è un legame a catena tra tutti i siti che si linkano, e fa il mazzo!
  2. Un esempio di best practice: A->B | C->D.
    In questo caso il tuo sito A linka il sito B di Tizio; il sito C di Tizio linka il sito D tuo. NON c’è nessun legame a catena, quindi vai tranquillo.
  3. Mai accettare link dagli sconosciuti!
    Come ho imparato seguendo il webinar di GiorgioTave alla settimana della formazione; accettare link da siti di spam è SUPER VIETATO, perché Google lo scopre e quando meno te l’aspetti scatta la penalizzazione.
  4. Mai acquistare e vendere link, specialmente se ottieni/generi backlink da siti che non hanno nulla a che fare con il tuo settore e non aggiungono valore al tuo sito.
  5. Conosci il rel=no follow.
    La Bibbia di Google per webmaster indica i casi in cui è meglio utilizzare l’attributo rel=no follow. Tra le varie casistiche tu puoi sfruttarlo quando NON sei sicuro dell’attendibilità di un link al tuo contenuto, e vuoi dire a Google: non seguire questo link.

Esempio di come ottimizzare un link

Anche il link va ottimizzato, e con parsimonia: la sovraottimizzazione, cioè inserire tante parole chiave una dopo l’altra, non ha senso e anzi procura più danni che benefici, in ottica Google! In generale puoi ottimizzare un link in questo modo:

<a title="la frase con parole chiave per descrivere il contenuto linkato" href="http://wwww.urldellapaginachevuoilinkare.estensione">le parole che mandano al link</a>

Continuiamo l’esempio delle scarpe Pucci: adesso vuoi linkare alla tua pagina sulle decolleté Pucci un’interessante guida alle calzate delle scarpe da donna. Ottimizza il tuo collegamento ipertestuale… Così:

<a title="Guida alle calzate di scarpe per donna" href="http://wwww.urldellapaginachevuoilinkare.estensione">ti rimandiamo a quest'utile guida!</a>

copywriter freelance roma post

Obiettivo raggiunto? A te la parola

E ora che hai ottimizzato ogni parte del tuo contenuto per pagina web? Hai praticamente finito! La prossima volta ti mostro come si fa un mock up di un sito e soprattutto perché e a cosa serve. Curioso? Nel frattempo se hai suggerimenti da darmi, o se mi sono dimenticata qualcosina, aggiunti tutto nei commenti!
Ti aspetto!

Annunci

2 thoughts on “Copywriter con guida 2: ottimizza title, link, description e immagini!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...