Web writer, ecco 5 classici dell’infanzia a cui ispirarti!

Web writer, ecco 5 classici dell'infanzia a cui ispirarti!
Ancora prima di Gianni c’era lei, Pollyanna, a spargere il germe dell’ ottimismo sulla Terra!

Web writer, ecco 5 classici dell’infanzia a cui ispirarti per affrontare le web-avversità con grinta e, se ci scappa, un mezzo sorriso! Se vuoi scoprire quali sono e perché, non ti resta che continuare a leggere!

Web writer e infanzia?

A volte l’ispirazione per un nuovo post nasce da un semplice commento. Qualche giorno fa mi è stato detto che per il modo di scrivere sembro proprio una persona simpatica e ottimista. Wow – ho pensato – ma allora, sotto-sotto, Pollyanna mi ha insegnato bene!

E ora ti starai chiedendo chi è Pollyanna e cosa c’entri col discorso. Ebbene Pollyanna è un’inguaribile ottimista; le capitano mille sciagure, una dietro l’altra, ma lei piange? No. Si dispera? Ma neanche per sogno! E allora che fa? Coglie il lato migliore di tutta la faccenda. E cavolo, mi son sempre detta, lo voglio fare anch’io.

Ma tu sei un web writer che affronta le avversità del mestiere con lo spirito giusto?

Se vuoi essere un web writer positivo…

Allora non puoi fare a meno di seguire le dritte e imparare dai migliori: i protagonisti di 5 indimenticabili classici dell’infanzia. Eccoli qua!

1. Pollyanna

La capostipite di tutti quelli che vogliono pensare positivo. Secondo me pure Jovanotti si è ispirato a lei! Pollyanna, dell’omonimo romanzo, è sfigatissima e poverissima, ma la protagonista di questo romanzo non si abbatte! Il suo motto è: tutto il male non viene per nuocere. E alla fin fine, cercando di cogliere il lato buono – perché secondo lei c’è sempre, in ogni brutta situazione – cresce e impara a non piangersi troppo addosso.

Caro web writer, cosa puoi imparare da Pollyanna? A tener duro e sfoderare un bel sorriso, anche quando tira una brutta aria. Prenditi il tempo per sfogarti, arrabbiati: poi lascia frustrazione e tristezza alle spalle e ricomincia a darti da fare, anche più di prima. Pensa sempre che ce la puoi fare.

2. Anna dai capelli rossi

Anche Anna è una bimba sfortunata, ma la sua vita cambia quando viene adottata dai Cuthbert. Nella casa dal tetto verde Anna può imparare, fantasticare, divertirsi e soprattutto… Combinare pasticci! Ma nonostante ne faccia di tutti i colori, Anna la prende sempre con molta filosofia e si impegna per non sbagliare più. O almeno non fare più lo stesso errore!

Cosa impari da Anna dai capelli rossi? A sbagliare, ma senza farne un dramma. Errare è umano ed è un passo importante nella formazione. Impara da ciò che hai sbagliato e prosegui col web writing!

3. Pippi Calzelunghe

Pippi non è la madrina di tutti i protagonisti sfigati dei classici dell’infanzia, ma bisogna ammettere che anche lei ha qualche grana. In fondo, pensaci bene: non ha la mamma e il papà non c’è. In più va a vivere in una grossa casa sbilenca, Villa Villacolle, in sola compagnia di una scimmia e un cavallo…! Per qualsiasi bambino sarebbe impossibile vivere così: insomma, come caspita fai a cavartela da solo? Ma Pippi è Pippi: non si scoraggia e… E’ una bambina proprio forte!

Cosa ho imparato – e puoi imparare anche tu – da Pippi? Ad essere forti e audaci. E ad affrontare le avversità con più leggerezza di spirito: si sa che noi web writer ne passiamo tante..!

4. Harry Potter

Non credere che ci sia da imparare solo dalle eroine dei classici per l’infanzia. Anche i maschietti sono piuttosto sfigati – e riescono a cavarsela alla grande! Pensa ad Harry Potter dell’omonima serie: ha perso i genitori in modo tragico, uccisi dal mago più perfido e orribile che esista; vive in un sottoscala, gli zii Petunia e Vernon non lo possono soffrire e viene pure “bullizzato” da suo cugino Dudley. Che jella, Harry! Eppure, alla faccia di tutte ‘ste sfighe, Harry ce la fa: entra nella scuola dei maghi, è pure bravo, fa amicizia con ragazzini simpatici e pronti a tutto pur di salvargli la pelle. Ha dei nemici, ok, ma l‘unione fa la forza e i suoi compagni d’avventura lo aiutano a sbarazzarsi di Voldemort e compagnia bella. Mica male, Harry!

Cosa insegna Harry ad un web writer? A battere tutti i nemici col coraggio e la forza di volontà. Concentrati sull’obiettivo, inseguilo con caparbietà. Non sai come diventare web writer? Sei un web writer affermato ma stai passando un periodo no? Scoraggiarsi ogni tanto è normale ma non mollare: una volta che hai iniziato la battaglia, non puoi mica ritirarti!
Un altro consiglio? Stringi amicizia e chiedi una mano ai tuoi colleghi web writer! Loro sì che sapranno darti le dritte giuste per superare un problema, farti sorridere in un momento di pausa.

5. Mary Lennox

Mary del libro Il giardino segreto è una ragazzina davvero, ma davvero sfortunata. I suoi genitori non se la filano di pezza e per giunta muoiono. Mary è sola, senza amici, viziata, scontrosa, acida e cinica: e non ha nemmeno dodici anni. Un po’ presto per essere così arrabbiati con la vita, mannaggia! Ma – colpo di scena che cambierà le sorti della bambina – esiste uno zio che può prendersi cura di lei. Sta in Inghilterra, in una grossa casa colma di misteri, e così Mary deve far bagagli e lasciare l’India. Non sarà facile adattarsi al nuovo ambiente, ma con un pizzico di avventura e due buoni amici, Mary saprà rifiorire e tié, aiuterà pure zio e cugino a riavvicinarsi.

Cosa puoi imparare da Mary? A non tenere sempre il broncio. Anche quando la vita da web writer ti sembra veramente infame e ti sbatte mille porte in faccia non abbatterti o chiuderti a riccio. Non ti dico di sorridere a quel cliente che ti fa proprio impazzire, ma di affrontarlo armato di santa pazienza ed elasticità mentale. No ai vittimismi infiniti, insomma. Vai alla volta del tuo giardino segreto con  calma di spirito.

E tu?

Cosa vorresti imparare di più dai 5 classici per l’infanzia che ti ho raccontato?

Photo credit: FilmFanatic.org

Annunci

2 thoughts on “Web writer, ecco 5 classici dell’infanzia a cui ispirarti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...