Recensione libro: The Help

the_help_book
The Help, Kathryn Stockett, edito in Italia da Mondadori, 2009, 524 pagine

Di cosa parla, in pillole:

The Help, o L’aiuto, è la storia di una cittadina, Jackson, Mississippi, e dei suoi abitanti, o meglio delle sue donne. Sono loro, infatti, il cuore del romanzo; sono le donne forti e deboli che vivono in questa città ad animare e dar corpo al libro. Qui Kathryn Stockett ci porta per mano a conoscere Jackson, ci mostra la città compressa tra finto perbenismo, ipocrisia, razzismo, lotte dei neri per i diritti umani, scontri violenti tra neri e bianchi. Sono gli anni ’60 ed il panorama politico-sociale americano è incandescente. A Jackson c’è chi,  come Miss Hilly Holbrook, organizza raccolte di fondi da destinare ai neri poveri in Africa ignorando volutamente le misere condizioni in cui versano quelli che vivono proprio accanto a lei, e c’è chi, invece, si tira sù le maniche e comincia a darsi da fare per cambiare il proprio destino, e magari anche quello degli altri. Miss Eugenia-Skeeter-Phelan ambisce a diventare scrittrice: è una donna coraggiosa, open-minded, che non si spaventerà ad instaurare un vero e profondo rapporto d’amicizia con le forti donne di colore che lavorano come domestiche presso le sue amiche bianche: Aibeleen e Minny. Perchè, alla fine dei conti e al di là delle differenze di colore, “Siamo semplicemente due persone, e non sono molte le cose che ci separano. Molte meno di quanto si pensi.” 

Considerazioni:

The Help è un libro con la L maiuscola, ovvero uno di quelli che rileggeresti più volte nel corso della tua carriera di lettore. Non lo lasceresti morire nella libreria di casa, non vorresti che si impolverasse in un angolo dimenticato di uno scaffale, non lo abbandoneresti nel comodino: lo riprenderesti in mano perchè è un romanzo che non smette mai di parlarti, di comunicare un messaggio valido, significante e universale. Diceva Calvino che un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire, e allora io mi sento di considerare The Help un classico, perchè si fa amare, arricchisce chi lo legge, fa riflettere e maturare.

I suoi personaggi sono tutti in cerca d’aiuto: c’è chi non riesce a capirlo (Miss Elizabeth, incapace di farsi e portare avanti un’opinione propria, incapace d’amare di vero amore), chi aiutando sè aiuterà le altre ( Miss Skeeter, Aibeleen e Minny si daranno una mano a vicenda per liberarsi dei pesi nelle proprie vite) e chi probabilmente non lo riconoscerà mai e resterà imprigionata per sempre nelle sue ipocrite convinzioni. Al passato non si può restare ancorati, tantomeno si può arrestare il cambiamento: bisogna andare avanti ma Miss Hilly ancora non lo sa. O non lo vuole fare.

La citazione:

La mia citazione preferita:

“Però devo proprio andarmene dal Mississippi. Oltre a mamma e papà, qui non ho più nulla: non ho un’amica, nè un lavoro che mi interessi veramente, e neppure Stuart. Ma non mi basta finire in un posto qualsiasi come Dallas o Memphis. Quando ho inviato il mio curriculum al “New York Post”, al “New York Times”, all'”Harper’s Magazine” e alla rivista “The New Yorker”, ho provato lo stesso incontenibile desiderio di quand’ero all’università: andare a New York, la città dove uno scrittore dovrebbe stare. Ma non si è fatto vivo nessuno. E se non riuscissi a lasciare questo posto? Se rimanessi intrappolata qui per sempre? Mi sdraio e osservo i primi raggi di sole filtrare dalla finestra. Rabbrividisco: quell’urlo straziante – mi rendo conto – era il mio.”

Il voto:

Da 0 a 10: 10

Consigliato?

Si, si, si. Tre sì. Leggetelo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...